Il benessere in casa: come vivere felici in un mare di tecnologia

In un mondo fortemente connesso e digitalizzato, stanno aumentando le tecnologie che sono in grado di semplificare e rendere automatica la vita in casa.

In poche parole, non si parla solo dei classici elettrodomestici come il frigorifero e il forno, ma di vere e proprie tecnologie intelligenti (le cosiddette smart home) che permettono anche l'utilizzo a distanza, la regolazione della temperatura ambientale e spegnimento e accensione delle luci.

Grazie all'utilizzo di questi piccoli ritrovati tecnologici, che comunque prevedono il collegamento ad una rete internet e, per questo motivo, è fondamentale munirsi di una connessione a internet sufficientemente veloce, è possibile vivere la propria casa in una maniera più confortevole e immediata, aumentando la propria felicita grazie alla semplificazione di compiti noiosi o ripetitivi.

In particolare, è possibile dividere fra domotica e smart home, due concetti simili nell'aspetto esteriore ma profondamente diversi dal punto di vista attuativo: mentre la prima punta alla funzionalità autonoma della casa, la seconda alla connessione fra strumenti, in armonia, per automatizzare alcuni aspetti.

Quali differenze ci sono fra domotica e smart home?

In sintesi, la domotica comprende al suo interno quegli strumenti che permettono di aumentare la felicità personale e l'autonomia dei dispositivi grazie ad un'integrazione totale nell'impianto elettrico come, ad esempio, i sensori per l'apertura automatica di porte e garage, ovvero la regolazione della temperatura ambientale da parte dei termostati al raggiungimento di una soglia di temperatura.

Con il termine Smart Home, invece, ci si riferisce a strumenti connessi fra di loro per mezzo di una connessione internet a banda larga, gestibili direttamente da computer o smartphone tramite app apposite.

Praticamente, mentre la domotica è una funzionalità che permette a determinati dispositivi di funzionare da soli, le tecnologie smart home ne prevedono il controllo diretto e indipendente, a seconda dell'azione che impartiamo. In questo caso è possibile pensare all'accensione o spegnimento delle luci con il semplice battere della mani, ovvero tramite il ricorso ad un comando vocale.

Vivere felicemente in una casa tecnologica

Una casa tecnologica è il sogno di molti per molteplici motivi. Innanzitutto, semplifica alcune attività che potrebbero essere molto noiose: tramite il ricorso ai robot aspirapolvere, infatti, è possibile pulire casa senza dover stare a perdere tempo, avviare gli elettrodomestici in maniera automatica e ottimizzare il consumo di corrente, tramite l'impostazione di timer che evitino di sprecare energia.

Oltre a questo, applicazioni di smart home e domotica possono aumentare anche la sicurezza delle abitazioni grazie all'utilizzo di sistemi antifurto ovvero di monitoraggio di condizioni ambientali, come la presenza di fumo in casa o altri fattori di rischio, collegandosi in maniera automatica agli organi predisposti all'intervento come, nel caso degli incendi domestici, direttamente ai vigili del fuoco.

Naturalmente, sono possibili anche utilizzi più banali delle tecnologia domestica come la possibilità di installare IA tipo Alexa, spegnere le luci a piacimento o regolarne l'erogazione luminosa quando si è a letto.

I vantaggi spaziano dalla semplificazione delle attività, il risparmio energetico vista l'ottimizzazione delle risorse e anche il mantenersi al passo con i tempi, cosa che tutti parenti e amici potrebbero invidiare o elogiare durante le visite in casa.

Comunque prova questo sito se vuoi realizzare una casa che risponda ai tuoi comandi!

Come vivere in casa senza tecnologia

Naturalmente, il ricorso a smart home e domotica non è ancora essenziale all'interno delle nostre abitazioni e, anzi, il suo utilizzo potrebbe rivelarsi almeno per i più restii alle innovazioni una vera spada di Damocle. Sebbene infatti il ricorso a questi strumenti semplifichi la vita, sono ancora molte le persone che ritengono il vivere in casa un'esperienza che vada vissuta lontana dalla tecnologia, assaporando momenti di aggregazione e di lavoro domestico genuino, magari passando per la cucina.

In particolare, si fa riferimento all'utilizzo di elettrodomestici da cucina per la preparazione di cibo: vivere in casa in maniera felice, infatti, è una condizione che trascende l'impiego della tecnologia, ma dipende essenzialmente dai gusti del singolo e dalal sua voglia e desiderio di cosa ricercare.

About the author