Il valore della lingerie

La storia della lingerie è antica e racconta del bisogno di prendersi cura di se stesse: non soltanto accessori, ma elementi importanti dell’immagine di sè, questo è il mondo della biancheria intima.

Le donne egiziane furono le prime a sentire il bisogno di avere sulla pelle morbidi tessuti, che accarezzassero il corpo, nascosti dalle tuniche: così nacquero le prime sottovesti, che custodivano le morbide linee del corpo.

Nella storia romana, così come presso i popoli del nord, ritroviamo le prime fasce di contenimento del seno.
Più che reggiseni protezioni, per non mostrare i seni presso i romani, per tenerli più saldi per le guerriere del nord, abituate a cavalcare.

Ma fu Caterina De Medici la prima ad introdurre l’uso di mutandoni da indossare per proteggere il corpo andando a cavallo, aprendo la strada ad un indumento che diventerà, fra scelta dei tessuti e merletti, un accessorio estetico e di seduzione.

A partire dal Rinascimento i corpi delle donne vengono stretti dentro a busti e corsetti; nella realtà vere e proprie gabbie che vincolano il corpo sottoponendolo a forzature che portano anche a gravi conseguenze per l’apparato muscolo scheletrico e gli organi interni.

Busti e corsetti con stecche di legno, di metallo, fino ad arrivare alla stecche di balena, sicuramente più morbide e tuttavia una costrizione penosa per i corpi delle donne.

E’ nel ‘900, nel momento in cui il busto viene finalmente eliminato, che compare il reggiseno, agile, elegante, sensuale, comodo, indumento della femminilità.

Reggicalze, giarrettiere, calze, subiscono una evoluzione costante andando a definire le scelte di stile e diventando espressioni della personalità di una donna.

La scelta

La lingerie che scegliamo indubbiamente ci rappresenta, o quanto meno, rappresenta il nostro bisogno di sentirci a nostro agio per quello che siamo in quel momento della nostra vita.
I gusti e le esigenze cambiano, come il corpo e gli stati d’animo e, straordinariamente, lo stile dei capi intimi accompagna il nostro mutare costante.
Pizzo, seta, raso, comodo cotone, microfibra, poco importa cosa scegliamo, purché la nostra preferenza rappresenti l’appagamento del nostro desiderio di essere in equilibrio con noi stesse.

Possiamo optare per comodi completi sportivi, contenitivi e pratici, o pragmatici capi in microfibra, capaci di avvolgere il corpo senza segnarlo e senza creare fastidio, adatti agli impegni della vita quotidiana.

Eppure viene sempre il momento in cui desideriamo custodire la nostra femminilità dentro ad indumenti dove, raso o pizzo, valorizzano la nostra sensualità e le forme del nostro corpo.
A volte soltanto per il piacere di cullarci dentro alla consapevolezza del valore della nostra intima bellezza, a volte per il desiderio di mostrare una parte della nostra personalità più segreta ed intima.

Il piacere di indossare un pigiama di seta, che accarezzi il nostro corpo alla notte, o la comodità di un morbido e caldo pigiama, che ci tenga al riparo e custodisca il nostro sonno, o ancora il desiderio di sfoggiare una camicia da notte che ricordi eleganze di altri tempi, o un baby doll dal sapore voluttuoso, questo è quello che ricerchiamo dentro ad un marchio.

Qualità

L’attenzione ai materiali, oltre che la gamma di stili, è l’elemento distintivo di un marchio, in un panorama oggi che offre una moltitudine notevole.
Oggi ci siamo abituati, per necessità e comodità, agli acquisti in rete e tuttavia, soprattutto trattandosi di lingerie, è necessario avere la certezza di affidarsi a luoghi di acquisto certi e sicuri.
Lingerieforyou rappresenta un riferimento importante, con la grande e differenziata quantità e qualità di proposte.

  • Reggiseni
  • Body
  • Mutande e perizomi
  • Bustini e guaine modellanti
  • Pigiami
  • Camice da notte e vestaglie
  • Chemise e sottovesti
  • Cpri costumi
  • Collant
  • Guanti
  • Baby doll
  • Leggings

Un universo di praticità e bellezza, dove l’obiettivo è sentirsi libere e a proprio agio, qualsiasi sia la nostra scelta e la nostra essenza di donne.

Come diceva Greta Garbo:
Nessuno la vedrà mai, è terribilmente costosa e nessuno saprà mai che è di seta.
Lo saprò io e camminerò in maniera diversa.

About the author