Social network e mondo del lavoro

Social network e mondo del lavoro. Cosa è cambiato?

L’avvento dei social media, ha radicalmente cambiato il modo in cui ci si rapporta con gli altri, non solo in ambito personale ma anche professionale. Il mutamento riguarda in primis le infinite possibilità di interazione, non più basate sull’incontro programmato o casuale che sia. Grazie ai social infatti ci si può praticamente collegare con chiunque e in qualunque momento. Inoltre, c’è un impatto negativo sul benessere psicologico dell’individuo nel momento in cui queste possibilità di comunicazione interattiva vengono a mancare. Non solo i social hanno cambiato il modo di comunicare tra gli utenti ma anche le aziende hanno sfruttato tutte queste innovazioni per raggiungere i consumatori seguendo vie alternative.

Cosa sono i social media

In passato c’erano solo due modi per interagire con i media, in primis attraverso i media di massa quali radio o televisione, grazie ai quali era possibile diffondere notizie, informazioni o conoscenze al pubblico più ampio possibile. In alternativa i media che permettevano un rapporto unico tra due interlocutori quale può essere una chiamata telefonica. Ciò che entrambi avevano in comune era l’impossibilità per gli utenti di poter interagire. Al contrario i social media moderni quali blog, network e tutte le nuove creazioni mettono l’utente al primo posto consentendogli di poter esprimere la propria voce in completa tranquillità. Se prima il pubblico era solamente uno spettatore che passivamente apprendeva le notizie, con l’avvento dei social è al centro dell’attenzione e libero di esprimere ciò che pensa.

Relazioni sociali differenti

Il fatto che tutti gli utenti dei social siano posti sullo stesso piano, ha permesso ad alcuni di affermare che l’interazione con i social è estremamente lontana da quella fisica poiché manca la possibilità di esprimersi attraverso gesti o comunque tramite forme non verbali che sono essenziali per mostrare una parte di sè all’altro. Tutto ciò viene superando da emoji, immagini, gift che hanno consentito di approfondire ogni genere di interazione. Nel momento in cui si visualizza il profilo di un utente si ha la possibilità di avere informazioni maggiori rispetto a quelle che si poterebbero avere incontrandolo di persona, non può mancare però la consapevolezza che queste informazioni potrebbero essere stata manipolate. Ne risulta che gli utenti spesso tendano a pubblicare immagini o frasi per mettersi in confronto con gli altri, non solo per avere l’opportunità di interagire ma anche per verificare l’impatto che ha con il mondo la percezione di sè stessi. Questo evento, sembra principalmente riscontrabile nelle donne che tendono a considerare questo come un metro di giudizio anche se questa situazione non è completamente imputabile ai social network.

La paura di non essere connessi

Così come possano arricchire le informazioni e il confronto e più in generale le interazioni, i social possono causare anche quella che viene detta fear of missing out, ovvero, il timore di rimanere lontani dal flusso continuo di informazioni. L’impatto negativo di questa paura è ravvisabile ogni qual volta si ha la consapevolezza di non potersi connettere e quindi mettere in contatto con il resto degli utenti del web.

Social per rimanere in contatto

Grazie ai social media è possibile però avere numerosi benefici in quanto si riesce a rimanere in contatto con amici e parenti anche quando si è lontani per lavoro, oppure si è costretti a letto. Il benessere in questi casi viene dato anche dalla possibilità di confrontarsi con chi sta vivendo situazioni simili e dunque trovare conforto.

Anche se per molte persone questo mezzo di comunicazione non è propriamente la scelta migliore per andare a creare una relazione stabile, ha senza ombra di dubbio una serie di vantaggi dalla sua parte. Vantaggi, che non si può assolutamente non prendere in considerazione.

About the author