Scopri i benefici degli oli massaggio aromaterapeutici

La medicina naturale va sempre più di moda, e molte persone si avvicinano a questo mondo per trattare diversi disturbi e fastidi. Sin dall’antichità le piante e i loro estratti venivano utilizzati come terapia: basti pensare agli antichi egizi, che si servivano delle erbe per curare ogni genere di malanno, ma questo tipo di terapia si afferma come una vera e propria scienza solo nella seconda metà del ‘900, grazie al libro "Aromathérapie" pubblicato nel 1964 dal medico francese Jean Valnet.

L'aromaterapia fa parte delle medicine alternative che trova applicazioni in diversi campi, ma soprattutto, si affianca ai trattamenti di medicina tradizionale.

Questo trattamento sfrutta le proprietà terapeutiche degli oli essenziali che hanno lo scopo di riportare benessere fisico, emotivo e mentale all'intero organismo. Attenzione però, si tratta di un trattamento di supporto: non cura alcuna malattia, bensì allevia i disturbi non patologici.

 

Aromaterapia: quali sono le sue applicazioni?

L’aromaterapia è assimilabile ad una disciplina olistica: l’obiettivo principale di questa scienza, infatti, è quello di infondere un effetto benefico all’intero organismo, un benessere che coinvolga sia corpo che mente, una sensazione generalizzata che non tratta dunque un unico sintomo.

Utilizzando l’essenza giusta, è possibile contrastare diversi disturbi, tra cui: dolori muscolari, ansia e stress/nervosismo, emicrania, insonnia e depressione, disturbi legati alla mestruazione e menopausa, disturbi legati alla circolazione e alla digestione, e molti altri.

Ciascun olio essenziale è specifico e responsabile di un determinato effetto. Le essenze sono di fatto prodotti concentrati, estratti da diversi tipi di piante, ognuna delle quali possiede caratteristiche particolari.

 

Oli vettori per messaggi

Il trattamento di aromaterapia non utilizza solo gli oli essenziali allo stato puro, ma vengono impiegate altre sostanze, sempre naturali, che servono da "vettori" per far propagare le essenze e infondere i benefici a tutto il corpo. Sono impiegati come base per diluire gli oli essenziali puri, per poi essere utilizzati in diversi modi: possono, ad esempio, essere applicati sulla pelle tramite massaggi.

I vettori più diffusi sono gli oli massaggio: prodotti vegetali ricchi di proprietà benefiche, vengono estratti da chicchi o dai semi delle piante: le parti che contengono vitamine, minerali e nutrienti specifici e benefici per l’organismo. Sono oli con proprietà che variano a seconda del tipo, come consistenza, assorbimento e durata o conservazione. Gli oli vettore possono essere emulsionati tra loro per combinare le diverse qualità benefiche, al fine di ottenere la miscela perfetta. In generale, per creare da soli un olio per massaggio è sufficiente diluire in circa 10 ml olio vettore 4 o 5 gocce di olio essenziale.

 

Consigli prima della pratica

Per la scelta del tipo del vettore, si devono considerare: il disturbo da trattare, le eventuali allergie agli ingredienti e, infine, le preferenze personali.

Prima di utilizzare l’olio per massaggio, si consiglia sempre di applicarne una piccola quantità su una piccola porzione del corpo: se la zona presenta arrossamenti o qualsiasi tipo di bruciore e prurito, bisogna risciacquare subito l’area ed è altamente sconsigliato l’utilizzo.

Infine, se si sta seguendo una particolare terapia farmacologica, è necessario e doveroso consultare il proprio medico prima di iniziare i trattamenti di aromaterapia.

About the author